Tunnelbuilder Promoting the world's tunnelling industry to a huge qualified audience

Contattare – monica@tunnelbuilder.com
View the Spanish Tunnelbuilder website View the English Tunnelbuilder website
  • Palmieri
  • Normet
  • PPS
  • Geodata
  • Systemair Srl
  • Datwyler
  • Società Italiana Gallerie

News

Galleria Le Vigne, uno dei primi tunnel ecocompatibili in Europa

18/08/2008
Galleria Le Vigne, uno dei primi tunnel ecocompatibili in Europa

Il 27 Febbraio 2008 è stato aperto al traffico il 2° lotto della Secante di Cesena, variante alla SS9 Via Emilia, il cui tracciato di 2.434 m, dal km 2+822 (svincolo di Cesena Nord) al km 5+256,52 (spalla destra dello svincolo Stadio), comprende il viadotto Stadio (354,6 m e 12 campate), due sottopassi ferroviari (72 m) che garantiscono il transito sotto la linea ferroviaria Bologna-Otranto e la galleria artificiale Le Vigne (1.585 m), uno dei primi tunnel ecocompatibili in Europa. I lavori sono stati eseguiti dall'ATI composta da CMC di Ravenna (Mandataria) e dalla Iter di Lugo (Ra). L'opera, nel suo complesso, ha richiesto un investimento pari a 82,5 milioni di Euro. Collegarsi a www.cmc.coop e a www.itercoop.com.
Trattasi di galleria artificiale, a due fornici unidirezionali di sezione rettangolare, contigui e divisi da setto centrale, di pari lunghezza e ciascuno costituito da due corsie per ogni senso di marcia.
La larghezza di ogni fornice è 9,50 m: carreggiata 7,60 m, marciapiedi 0,85 m a sinistra e 1,05 m a destra. L'altezza libera interna minima dal piano di scorrimento (in corrispondenza dei tratti in curva e al netto dell'ingombro dei ventilatori) è pari a 5 m. La sezione tipo di ogni fornice (sezione interna) è quindi variabile tra il minimo di 9,50 m x 5,50 m e il massimo di 9,50 m x 7,20 m.
Le dimensioni esterne del manufatto, tenendo in conto degli spessori della soletta di fondazione (1,10 m), dei muri laterali (0,80 m), del setto centrale (0,80 m) e della soletta di copertura (1-1,20 m), sono variabili da 21,40 m x 7,60 m a 21,40 m x 9,50 m. Il manufatto è stato realizzato a cielo aperto e interamente in calcestruzzo gettato in opera con sistemi tradizionali.
Dovendo limitare l'area di scavo poco oltre l'area di ingombro del manufatto, si è provveduto al contenimento e sostegno dello scavo, che in alcuni tratti ha raggiunto la profondità di circa 14,00 m dal piano di campagna, mediante l'impiego contemporaneo su entrambi i lati (dello scavo) di palancolato metallico munito di puntoni di contrasto costituiti da tubi in acciaio Ø 1000.
Per la formazione dei casseri dei setti verticali e della soletta di copertura sono state utilizzate attrezzature della Hünnebeck.

Per la realizzazione delle pareti di circa 8 m di altezza, è stata impiegata la cassaforma a trave per pareti R24 di Hünnebeck. Sono stati forniti tre moduli interni e tre moduli esterni di cassaforma per una lunghezza massima 27 m completi di carrelli speciali per la traslazione. Poiché il peso complessivo della cassaforma è di circa 800 q, al fine di agevolare la movimentazione della cassaforma in senso longitudinale, sono stati realizzati ad hoc due carri di traslazione, con travi reticolari in acciaio T50, muniti di rulli di scorrimento su guida metallica. Il sistema di disarmo è meccanico, mentre quello idraulico è manuale.
Per poter posare il ferro di armatura delle pareti, sono stati impiegati tre ponteggi del sistema multidirezionale MODEX di Hünnebeck alti 7 m, carrellati e comprensivi di mensole a sbalzo.
Il solaio della galleria artificiale è stato realizzato utilizzando tavoli per solai LTT di Hünnebeck con dimensioni diverse (12 tavoli da 6 x 2,5 m e tre tavoli da 6 x 3 m); due portali realizzati con il sistema di ponteggio MODEX di Hünnebeck, con altezza massima pari a 7,2 m, per consentire l'attraversamento degli automezzi sotto la galleria in costruzione. Grazie ai puntoni ad alta portata MODEX è stato possibile ottenere una luce libera pari a 3,60 m oltre a sostenere un peso di circa 18 t per puntone. Collegarsi a www.huennebeck.it
Lo scatolare costituente i fornici accoppiati è impermeabilizzato su tutto il perimetro esterno:

  • in platea, mediante doppio strato di tessuto non tessuto in polipropilene isotattico, con sovrapposizione dei margini di almeno 10 cm, avente peso maggiore o uguale a 500 g/m2 con interposto telo impermeabile sintetico in poliolefine flessibile traslucido avente spessore di 2 mm, carico a rottura maggiore o uguale 17 N/m2 e allungamento a rottura maggiore o uguale a 600%, resistente all'azione perforante delle radici, strato di separazione mediante foglio in polietilene spessore 0,3 mm;
  • nelle pareti in elevazione, mediante singolo strato di tessuto non tessuto e telo in poliolefine aventi le medesime caratteristiche precedentemente descritte, e strato finale di protezione in geocomposito, costituito da un anima drenante in fibre plastiche, accoppiata su un lato da geotessile in non tessuto con funzioni di filtro, avente spessore totale 8 mm.

Impiantistica
La galleria Le Vigne si sviluppa interamente in un tessuto urbano densamente abitato e quindi è stata dedicata particolare attenzione all'inquinamento atmosferico e acustico. La galleria è dotata di sistema di ventilazione e di un impianto di filtrazione finalizzato a limitare gli effetti sull'ambiente esterno di fumi e particolati prodotti dai veicoli.
Ventilazione
Allo scopo di abbattere circa il 70%-80% dell'inquinamento, è stato adottato un sistema longitudinale di ventilazione, con spinta meccanica dell'aria in direzione concorde con quella del traffico, impressa dai seguenti 14 ventilatori assiali ad induzione, forniti da Flakt Woods (Milano) per ogni fornice, dotati di comando mediante convertitori di frequenza, per poterne garantire il funzionamento reversibile e controllarne le variazioni di velocità in funzione dei vari parametri in gioco (inquinamento, numero veicoli, incendio, ecc.):

  • 10 per l'esercizio normale e per il funzionamento in emergenza incendio (diametro 1000 mm, spinta 900 N, realizzati in acciaio inossidabile AISI 316L, equipaggiati con motori da 27 kW a 4 poli);
  • 4 per il funzionamento in emergenza incendio (diametro 710 mm, spinta 730 N, in acciaio inossidabile AISI 316L, equipaggiati con motori da 27 kW a 2 poli);

I ventilatori sono disposti in sette coppie, in modo tale per cui, anche se una o due coppie di ventilatori dovessero andare fuori uso, i restanti possano garantire lo spostamento dei fumi lungo il fornice nella direzione voluta.
In corrispondenza di ogni portale, nella volta della galleria, è stata prevista un'apertura di 64 m2 con serrande in acciaio inossidabile AISI 316Ti, dotate di attuatori. Ventilatori e serrande sono certificati secondo la norma EN 12101-3 per resistere in condizioni di emergenza incendio a 400°C per due ore. Collegarsi a www.flaktwoods.com
Palazzoli ha fornito i gruppi prese che alimentano tutte le coppie di elettroventilatori e il gruppo di rifasamento con le batterie di condensatori, facenti parte della linea TUNNEL54, che assicura la continuità elettrica a 400°C per 90 minuti. La linea TUNNEL54 di Palazzoli è in grado di alimentare gli apparecchi per la ventilazione e l'illuminazione anche in condizioni di incendio, nel rispetto del Decreto Legge 264 e delle Linee Guida Anas per la progettazione della sicurezza nelle gallerie stradali. Collegarsi a www.palazzoli.it.
Filtrazione
Le condizioni di traffico ipotizzate e l'alta percentuale di mezzi pesanti hanno portato all'adozione dell'innovativo sistema di filtrazione elettrostatica ECCO (Electrostatic Charged Contact), fornito da Aigner Tunnel Technology (Austria), che permette di abbattere le polveri sottili e il particolato prodotto dagli autoveicoli prima della fuoriuscita dell'aria dalla galleria.
L'apparecchiatura di base del sistema di filtrazione elettrostatica è il precipitatore elettrostatico, installato nella prima centrale, al servizio del fornice-asse Rimini-Forlì e nella seconda, al servizio del fornice-asse Forlì-Rimini. Cliccare qui per approfondimenti.
All'interno delle camere di ventilazione, una per ogni fornice, sono stati installati due grandi ventilatori assiali, con diametro 2240 mm, portata d'aria 125 m3/s cadauno, pressione totale 1.650 Pa, equipaggiati con motori da 330 kW adatti per funzionamento a 250°C per due ore. Funzionano in senso contrario al senso di marcia dei veicoli, allo scopo di impedire l'eventuale fuoriuscita dalla galleria di aria viziata non trattata.

I fumi, una volta filtrati, tramite:

  • due ventilatori assiali di estrazione, per centrale, con una portata da 125 m3/s ciascuno;
  • torri di espulsione, insonorizzate
  • bocche di efflusso in sommità ad alta velocità (circa 25 m/s)

sono dispersi in quota tramite camini di opportuna altezza, in modo da farli ricadere su una superficie molto estesa e tale da non influenzare il livello di fondo dell'inquinamento della città di Cesena. La galleria Le Vigne è il primo esempio di tunnel ecocompatibile in Italia. Collegarsi a www.aigner.at.

Altri impianti
La galleria Le Vigne è inoltre dotata di:

  • impianto di illuminazione;
  • impianto antincendio con idranti;
  • sistema di rilevazione incendio;
  • impianto SOS;
  • impianto TVCC;
  • impianto rivelazione incendio nelle centrali;
  • impianto di climatizzazione per le centrali;
  • sistema di gestione tecnica centralizzata (GTC) di tutti gli impianti e dei sistemi di sicurezza collegato alla sala operativa del compartimento Anas dell'Emilia Romagna e alla sala operativa nazionale, nel pieno rispetto della nuova e più severa normativa europea. 34-35/08


subscribe to our e-alerts view our advertising rates view our jobs
subscribe to our e-alerts view our advertising rates view our jobs